A- A A+

Diabetologia e Malattie Metaboliche - Ricerca

Responsabile: Francesco Dotta
Coordinatore infermieristico: Gianni Vaccarella

 

Il prof. Dotta dirige un gruppo di ricerca impegnato in progetti di ricerca mirati alla caratterizzazione di alcuni aspetti patogenetici e fisiopatologici del diabete mellito, delle sue complicanze, del diabete post-trapianto e di endocrinopatie autoimmuni.

 

Finanziamenti per la ricerca

Le linee di ricerca sono finanziate dalla Comunità Europea (6° e 7° Programma Quadro); Juvenile Diabetes Research Foundation; NIH; Ministero della Salute; MIUR; Regione Toscana; Fondazione di Ricerca della Società Italiana di Diabetologia; Fondazione Roma.

 

Linee di ricerca e risultati ottenuti

Meccanismi di danno beta-cellulare nel diabete tipo 1. Linea di ricerca condotta in una collaborazione internazionale con gruppi di Boston, San Diego, Leiden, Helsinki e Londra. Ha permesso di identificare, all’interno delle isole pancreatiche, quella sottopopolazione di linfociti direttamente responsabili della distruzione delle cellule beta. Una collaborazione con l’Università di Lovanio (Belgio) finanziata dalla Comunità Europea e mirata allo studio della flora batterica intestinale nel diabete di tipo 1, ha permesso di identificare una possibile strategia di protezione delle cellule beta-pancreatiche utilizzando dei batteri probiotici geneticamente modificati.

Meccanismi di rigenerazione beta-cellulare. Linea di ricerca svolta in collaborazione con le Università di Pisa, Roma “Tor Vergata” e Lovanio (Belgio). E' mirata alla caratterizzazione dei meccanismi coinvolti nella proliferazione delle cellule beta del pancreas, al fine di ottenere in laboratorio una fonte di cellule insulino-secernenti da trapiantare con successo in soggetti affetti da diabete mellito.

Dosaggi anticorpali per una diagnosi precoce del diabete tipo 1. Linea di ricerca condotta in collaborazione con l’Università di Roma “Sapienza” e di Denver (USA). Ha condotto sia alla scoperta di nuove molecole, bersaglio della risposta autoimmune nel diabete tipo 1, sia alla messa a punto di nuove metodiche di dosaggio autoanticorpale, che consentono al laboratorio della struttura di effettuare alcuni dosaggi anticorpali sulla saliva anziché sul siero, evitando procedure invasive (come ad esempio un prelievo di sangue) a pazienti che, nel caso del diabete tipo 1, sono spesso bambini.

 

Partecipazione a protocolli di ricerca clinica
La struttura, nell’ultimo triennio, ha partecipato al coordinamento di 34 protocolli internazionali e nazionali di sperimentazione clinica in fase II e fase III relativi a nuovi farmaci in ambito diabetologico e delle malattie metaboliche.

 

Pubblicazioni scientifiche
Le ricerche hanno consentito negli ultimi cinque anni alla pubblicazione di 59 studi su riviste internazionali recensite su PubMed ad elevato impatto scientifico e alla presentazione di numerosissimi abstracts presentati in congressi nazionali e internazionali.

 

Profile

 
 

 

Ultima modifica: Mercoledì, 11 Novembre 2020 11:34