Informazioni utili Covid-19

Informazioni utili Covid-19

In base alle ordinanze e circolari diffuse da Regione Toscana e Ministero della Salute, l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese ha attuato una serie di misure precauzionali, azioni di prevenzione e misure di contenimento, oltre che raccomandazioni e consigli di igiene volte al contenimento del Covid-19.

Regolamentazione accesso in ospedale di lavoratori, utenti ed accompagnatori

Permane fino al 30 aprile 2023 l’obbligo di indossare dispositivi di protezione (DPI) delle vie respiratorie per lavoratori, utenti e visitatori all’interno di strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio assistenziali.

Effettuazione del tampone

I pazienti saranno obbligatoriamente sottoposti a tampone antigenico in caso di:

  • Ricovero programmato o ricovero tramite Pronto Soccorso, ordinario o day surgery;
  • Trasferimenti interni verso reparti che ospitano soggetti “fragili”;
  • Trasferimento verso strutture per acuti esterne che ospitano soggetti “fragili”;
  • Trasferimento verso strutture per sub acuti, post acuti, riabilitative, RSA, RSD, cure intermedie, hospice;
  • Il/la partner che intende essere presente alla nascita del/della proprio/a figlio/a dovrà preventivamente essere sottoposto/a a tampone e potrà avere accesso solo con esito negativo;
  • Casi particolari saranno disciplinati dalla Direzione sanitaria.

Visite ai pazienti ricoverati

È consentito l’accesso dei visitatori ai reparti di degenza non Covid secondo gli orari comunicati dalla direzione sanitaria. Per le visite in reparto rimane l’obbligo di rispettare le seguenti regole che il personale di reparto è tenuto a far osservare:

  • Accesso di un visitatore per volta per paziente per massimo 45 minuti con obbligo di indossare sempre e correttamente la mascherina chirurgica, o preferibilmente mascherina FFP2; eventualmente scaglionare gli accessi in modo che nelle stanze di degenza non siano presenti più di due visitatori contemporaneamente;
  • Alla luce di particolari situazioni (ad esempio pazienti fragili, sviluppo di un focolaio di infezione Covid-19), ogni reparto può concordare d’intesa con la Direzione sanitaria una limitazione delle visite o una modifica degli orari di visita;
  • I visitatori non devono presentare sintomi di infezione respiratoria;
  • Effettuare una frequente igienizzazione delle mani (all’ingresso in reparto, prima e dopo il contatto diretto con il familiare ricoverato, all’uscita dalla stanza di degenza, all’uscita dal reparto e ogni qual volta ce ne sia ulteriore necessità).
  • Attenersi alle seguenti regole igieniche:
    • non sedersi sul letto, non appoggiare borse oppure oggetti sul letto;
    • non utilizzare i servizi igienici dei degenti;
    • prestare assistenza solo al proprio congiunto;
    • mantenere il distanziamento sociale.

• È possibile permanere in reparto al genitore/caregiver di minore ricoverato, previa esecuzione del tampone antigenico che dovrà essere eseguito nelle 48 ore precedenti l’ingresso in ospedale. Il genitore/caregiver può trattenersi nel reparto di ricovero per tutta la durata della degenza del paziente. In caso di alternanza di accompagnatori valgono le stesse regole;
• Agli accompagnatori dei pazienti in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità (ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge n 104/1992) è sempre consentito prestare assistenza all’interno dei reparti di degenza;
• È consentito l’accesso alle aree di degenza Covid secondo le procedure aziendali attualmente in vigore.

Accompagnatori/caregiver di pazienti che accedono al Pronto Soccorso

Per gli accompagnatori di pazienti che accedono al Pronto Soccorso è consentita la permanenza nella sala di attesa.
Agli accompagnatori dei pazienti in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità (ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge n 104/1992) è sempre consentito prestare assistenza all’interno del Pronto Soccorso.
In alcuni casi (pazienti affetti da demenza o deficit cognitivi anche lievi, da grave malessere psichico o in fase terminale della vita, pazienti che presentano importanti barriere linguistiche) è comunque possibile prevedere la presenza di un accompagnatore;
In caso di sovraffollamento in Pronto Soccorso saranno date disposizioni specifiche in accordo con la Direzione sanitaria.

Accesso alle strutture ambulatoriali

L’accesso alle strutture ambulatoriali è riservato ai soli pazienti. È possibile l’ingresso di un accompagnatore solo in particolari situazioni (ad esempio pazienti anziani, fragili, disabili, o con barriera linguistico-culturale).
Per il paziente minore è previsto di norma l’ingresso di un solo genitore/caregiver, fatte salve specifiche situazioni clinico-assistenziali che, a giudizio del direttore di unità operativa e del coordinatore infermieristico, richiedano la presenza di entrambi i genitori/caregivers.

Regolamentazione accesso in ospedale

È decaduto l’obbligo di Green pass anche per fornitori, tecnici, informatori scientifici, operatori di ditte in convenzione o appaltatrici, volontari, referenti che assicurano assistenza spirituale. Per la permanenza in ospedale è obbligatorio l’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie aeree.

Modalità di accesso all’obitorio

Per accedere ai locali dell’obitorio è necessario osservare le seguenti indicazioni:

  • obbligo di igiene delle mani con gel idroalcolico e utilizzo mascherina FFP2
  • rispetto del distanziamento tra una persona e l’altra
  • accesso consentito a un massimo di due persone per volta all’interno della singola camera mortuaria

Per quanto riguarda lo svolgimento delle cerimonie funebri, le porte della cappella saranno tenute aperte per agevolare l’adeguata aerazione dei locali e l’ingresso delle persone deve avvenire uno per volta; i partecipanti devono indossare la mascherina protettiva FFP2 ed igienizzare le mani con il gel idroalcolico prima dell’accesso in chiesa. La cappella sarà sanificata precedentemente e successivamente all’esecuzione delle cerimonie funebri.

Ultimo aggiornamento

16 Gennaio 2023, 08:34